ASSOBIOPLASTICHE: SENTENZA CORTE UE RIGUARDA VECCHIO DECRETO, ATTUALE LEGISLAZIONE ITALIANA NON TOCCATA DAL GIUDIZIO EUROPEO

Roma, 21 dicembre 2023 â€“ Assobioplastiche evidenzia che la sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione Europea oggi pubblicata riguarda esclusivamente la vecchia normativa italiana sui sacchetti di plastica.

La pronuncia riguarda in concreto un vecchio decreto ministeriale (il DM 18 marzo 2013) che da tempo non è più in vigore che venne adottato dall’Italia quando ancora non era stata emanata la direttiva shopper 2015/720, che contempla espressamente la possibilità per gli Stati di vietare i sacchetti di plastica.  

Si tratta di un giudizio relativo quindi a normative già abrogate e del tutto superate dalle nuove e in cui, peraltro, la bocciatura della Corte è su aspetti formali e procedurali (errori nel processo di notifica all’UE).

Si è contestato all’Italia di aver adottato detti divieti “troppo presto”, ossia prima che l’UE stessa prevedesse i divieti con la direttiva shopper 2015/720. 

Ce l’aspettavamo – commenta Luca Bianconi, Presidente di Assobioplastiche – ma, per sgombrare il campo da equivoci, è bene sottolineare che la sentenza riguarda il “vecchio” ordinamento. La normativa europea sugli imballaggi è, com’è noto, nel frattempo positivamente evoluta e ora c’è la direttiva shopper, che consente i divieti e obbliga gli Stati a intervenire sui sacchetti. Il decreto ministeriale del 2013 contestato non c’è più e c’è una nuova normativa di recepimento della direttiva shopper, che non è messa in discussione dalla sentenza. Ci tengo a precisare, quindi, che l’attuale normativa sulle bioplastiche che recepisce la direttiva shopper del 2015 è perfettamente in vigore avendo seguito tutte le procedure previste. Purtroppo, quando non si riescono a trovare elementi di sostanza contro normative pioniere che hanno anticipato l’evoluzione stessa del diritto europeo, ci si appella a forma e procedure. Ci siamo abituati, ma i fatti sono dalla nostra parte”.