News,Eventi,Comunicati

News, Eventi e Comunicati - 2018



LA BIODEGRADABILITÀ DI UNA NOTIZIA
A proposito dello studio dell’Università di Pisa sull’impatto delle buste di bioplastica di nuova generazione nell’ambiente marino

Roma, 17 gennaio 2018 - Con riferimento al comunicato emesso oggi dall’Università di Pisa (“Biodegradabili, ma non troppo - Pubblicato uno studio sull’impatto nell’ambiente marino delle buste di bioplastica di nuova generazione”), il Comitato Tecnico di Assobioplastiche, pur considerando che l’articolo del team dei ricercatori pisani (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28679119) appare basato su un corretto approccio metodologico, ritiene che le conclusioni del comunicato stampa, riassunte dal titolo “Biodegradabili ma non troppo”, non siano corrette e non siano aderenti ai contenuti dell’articolo scientifico.

CS Assobioplastiche risposta a UNI PISA


APPROFONDIMENTO SUI SACCHI SUPERIORI A 15 MICRON

Visualizza


ASSOBIOPLASTICHE: COMPOSTABILITA' E RINNOVABILITA' SACCHETTI PRIMO IMBALLO ALIMENTARE

Roma, 6 gennaio 2018
In riferimento a quanto emerso ieri nel corso della trasmissione radiofonica “24 mattino con Oscar Giannino”, ripreso da altri organi di informazione e poi diffuso sul web - Assobioplastiche precisa che le borse per alimenti sfusi utilizzate come imballaggio primario, oltre a dover essere di spessore inferiore i 15 micron, biodegradabili e compostabili conformemente allo standard UNI EN 13432 e quindi riutilizzabili per la raccolta dell’umido, devono avere un contenuto minimo di materia prima rinnovabile – certificato EN 16640:2017 – di almeno il 40%.

Tale percentuale (40%), pertanto, fa riferimento al contenuto di materia prima rinnovabile (origine delle materie prime con cui è realizzato il prodotto), ossia al contenuto di carbonio organico, e non già alla compostabilità o alla biodegradabilità (fine vita del prodotto) che, invece, non solo devono essere superiori al 90% (in base a UNI EN 13432) ma anche certificate conformi allo standard internazionale UNI EN 13432 da organismi accreditati.
Assobioplastiche, inoltre, precisa il corretto significato dei termini:

BIODEGRADABILITA’
La biodegradabilità è la capacità di un materiale di essere degradato in sostanze più semplici mediante l’attività enzimatica di microorganismi. Al termine del processo di biodegradazione le sostanze organiche di partenza vengono trasformate in molecole inorganiche semplici: acqua, anidride carbonica e metano, senza il rilascio di sostanze inquinanti. Questa caratteristica non dipende dalla materia prima ma dalla natura chimica della materia prima, ragion per cui si può avere un prodotto da rinnovabile non biodegradabile e un prodotto da petrolio biodegradabile.


COMPOSTABILITA’
La compostabilità – che riguarda il fine vita di un prodotto – è la capacità di un materiale organico di essere riciclato organicamente assieme all’umido trasformandosi in compost mediante il compostaggio, un processo di decomposizione biologica della sostanza organica che avviene in condizioni controllate. Al termine del processo di compostaggio si ottiene un prodotto biologicamente stabile, inerte e inodore. in cui la componente organica presenta un elevato grado di maturazione. Ricco in humus, in flora microbica attiva e in microelementi, il compost è la soluzione ideale contro la desertificazione dei suoli e l’impoverimento di carbonio nonché un prodotto di impiego agronomico (fertilizzante per florovivaismo, colture praticate in campo).


RINNOVABILITA’
Riguarda l’origine di un prodotto e in particolare la caratteristica di quelle materie prime - prevalentemente di origine vegetale e animale – di rigenerarsi in tempi brevi (piante, alberi, loro derivati e scarti), in opposizione alle materie prime da fonte fossile (petrolio).


CONTATTI

Telefono:+39.06.48.277.48
Email: info@assobioplastiche.org


SOCIAL






SEDI




NEWSLETTER

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

(c) Assobioplastiche 2017 - Cod. Fisc. 97646320586

Powered by Assobioplastiche Servizi